Passa a ELITE Provale gratis

Lenti a contatto e bambini: da che età iniziare

Bambina che fa l’esame della vista per lenti a contatto

Molti genitori si chiedono se i bambini possono indossare le lenti a contatto e qual è l'età minima per iniziare. In questo articolo affronteremo tutti gli aspetti della questione, e spiegheremo perché l'uso delle lenti a contatto è assolutamente sicuro anche per i più piccoli; può migliorare notevolmente non solo la loro vista, ma anche la loro vita sociale.

Da che età si può iniziare ad indossare le lenti?

Non esiste un'età specifica da cui iniziare a indossare le lenti a contatto: si tratta più di valutare se il bambino è maturo e abbastanza responsabile da farsi carico della cura quotidiana che le lenti richiedono.

In alcuni casi, le lenti potrebbero fornire, appunto, un modo per abituare il bambino a prendersi delle responsabilità. Sebbene ogni caso sia diverso, in genere, a partire dai 6 anni in su si è capaci di occuparsi di tutto ciò che comportano le lenti a contatto.

Le lenti a contatto sono sicure per bambini?

Le lenti a contatto sono altrettanto sicure per chiunque le indossi, adulti o bambini (anche in tempi di coronavirus). Naturalmente, le routine di igiene e manutenzione devono essere rigorosamente rispettate per evitare il rischio di infezioni, come l'orzaiolo o il calazio.

Ciò che i bambini dovranno interiorizzare (e sono capaci di farlo molto più facilmente di quanto pensiamo noi adulti) si riduce a una procedura con dei semplici passi: lavarsi e asciugarsi le mani prima di mettere o togliere le lenti, conservarle correttamente usando una soluzione per lenti a contatto (se si portano quelle riutilizzabili) o buttarle via (nel caso si portano quelle giornaliere o usa e getta).

Vantaggi delle lenti a contatto per bambini

Bambini che sollevano trofeo di calcio
  • Migliorano l'autostima: numerosi studi suggeriscono che i bambini che indossano le lenti a contatto hanno una migliore autostima e riescono a socializzare di più con i loro coetanei rispetto a chi porta gli occhiali da vista.
  • Insegnano ad essere responsabili: i bambini devono impegnarsi a prendersi cura delle proprie lenti a contatto ed a seguire tutte le istruzioni per mantenere l'igiene. Questo stimola il loro sviluppo personale, perché sentono di doversi guadagnare la fiducia dell'adulto che ha dato loro la responsabilità.
  • Sono ideali per lo sport: sono molti gli sport in cui l'uso degli occhiali è sconsigliato o può essere fastidioso, come per esempio, nel calcio. Lenti a contatto e sport sono un'ottima combinazione, poiché le lenti forniscono una totale libertà di movimento e migliorano la visione periferica.
  • Offrono protezione UV: Esistono molti modelli di lenti con filtro UV incorporato, per offrire protezione dai raggi UVA e UVB, che sono dannosi per gli occhi e per maggiore sicurezza, le lenti possono sempre essere indossate insieme agli occhiali da sole.
  • Correggono l'ambliopia: alcuni studi suggeriscono che le lenti a contatto migliorano il trattamento di alcuni tipi di ambliopia (strabismo), per esempio se causata da un difetto refrattivo o da ipermetropia.

Quali sono le migliori lenti a contatto per bambini?

Oggi esistono diversi tipi di lenti a contatto adatti a correggere ogni tipo di difetto visivo, come la miopia, l'ipermetropia o l'astigmatismo. La gamma di modelli disponibili sul mercato è vasta e le lenti possono essere prescritte con valori e diottrie diverse per ogni occhio.

Confezioni di lenti a contatto giornaliere

La scelta migliore per un bambino sono le lenti a contatto giornaliere o usa e getta. Ecco perché:

  • Non richiedono molta manutenzione: il bambino non dovrà preoccuparsi di usare liquidi e soluzioni, di portare con sé una custodia o di dover disinfettare le lenti. Quando le lenti vengono tolte, basta buttarle via.
  • Sono più comode: le lenti giornaliere sono più sottili di quelle riutilizzabili e consentono il passaggio di più ossigeno, mantenendo l'occhio idratato più a lungo.
  • Sono più igieniche: indossando un nuovo paio di lenti a contatto quotidianamente, lo sporco non si accumula da un giorno all'altro, evitando possibili infezioni.
  • Offrono maggiore flessibilità: le lenti giornaliere sono disponibili in confezioni da 30 o 90, quindi sono ideali da alternare agli occhiali. Il bambino può decidere in quale giorno metterle o utilizzarle solo per determinate attività.

Lenti a contatto giornaliere

Come aiutare i bambini a indossare le lenti a contatto per la prima volta

Il primo passo per iniziare a usare le lenti a contatto deve essere sempre quello di consultare un ottico-optometrista o un oculista. L' esame oftalmologico nei bambini è sostanzialmente lo stesso di quello degli adulti, salvo delle lievi variazioni. Durante l'esame, la vista verrà graduata e le lenti a contatto verranno prescritte (nel caso ce ne sia bisogno). Ecco i nostri suggerimenti per aiutare il bambino a indossare le lenti a contatto per la prima volta:

  • Segui consigli e indicazioni di uno specialista: Tutte le fasi dell'adattamento alle lenti devono essere supervisionate da uno specialista, che sarà in grado di guidarti al meglio.
  • Abbi pazienza: anche gli adulti hanno difficoltà ad abituarsi a indossare le lenti a contatto per la prima volta, quindi sii paziente. Comunica al bambino che il processo di adattamento potrebbe richiedere un po' di tempo, allo stesso tempo dagli fiducia e rassicuralo continuamente.
  • Ricorda che ci vuole pratica: non importa quante volte bisogna ripetere il procedimento, indossare e togliere le lenti richiede un po' di pratica. È normale che il bambino non riesca la prima volta. Se questo succede, non disperare, presto si abituerà.
  • Rispetta i tempi: le lenti vanno indossate per la durata di tempo indicata dall'ottico. Non è mai consigliabile di portare le lenti per tempi più lunghi di quelli prescritti.
  • Usa collirio o lacrime artificiali: in questi giorni è inevitabile che i bambini (e gli adulti) trascorrano molte ore davanti agli schermi, il che provoca la secchezza oculare; le lacrime artificiali sono il rimedio ideale e danno immediatamente sollievo.
Flaconcini di collirio o gocce

Consigliamo le lacrime artificiali everclear

Con formula a base di ingredienti naturali, le lacrime artificiali everclear sono l'opzione migliore per alleviare gli occhi secchi e stanchi. Che tu o il tuo bambino passiate molto tempo davanti allo schermo o che soffriate di un'allergia ai pollini, queste gocce forniranno un sollievo immediato e duraturo. Inoltre, grazie al loro comodo formato da 10ml sono comode da mettere in borsa o nello zaino.

Acquista il collirio everclear