Aiuta il Tuo Bambino a Sentirsi Più Sicuro con le Lenti a Contatto

giovedì 29 novembre 2018 da Vision Direct

Aiuta il tuo bambino a sentirsi più sicuro con le lenti a contatto

Anche se la maggior parte dei difetti della vista si presenta dall'adolescenza in poi, molti di questi disturbi possono insorgere già durante l'infanzia. Secondo una recente stima, un bambino su quattro, dopo i sei anni, sarebbe afflitto da un problema visivo in grado di interferire con l'attenzione, la capacità di lettura, l'apprendimento e lo sport.

Nonostante il passaggio alle lenti a contatto abbia dimostrato un impatto positivo sull'autostima e sul benessere psicologico dei più piccoli, sono ancora pochi i bambini a cui viene offerta la possibilità di indossare le lenti a contatto. Quando si tratta della vista di tuo figlio, noi di Vision Direct ci impegniamo per guidarti verso la scelta più corretta.

Qual è l'età giusta per le lenti a contatto?

Gli occhiali da vista vengono prescritti alla stragrande maggioranza dei bambini con difetti visivi. Ciò è principalmente dovuto al fatto che le lenti a contatto richiedono qualche accorgimento in più, sia da parte degli adulti che dei bambini. Per essere utilizzate in totale sicurezza, le lenti a contatto necessitano di un livello di manutenzione e di cura quotidiana maggiore rispetto agli occhiali. Per i più giovani, la cura quotidiana delle lenti, la loro corretta pulizia e conservazione, può quindi rappresentare una sfida non indifferente.

Bambino avventuroso

Lo studio CLIP Contact Lenses in Paediatrics (Lenti a contatto in Pediatria) condotto dal dottor Jeffrey Walline, assistente professore di Optometria presso la Ohio State University, ha tuttavia dimostrato che i bambini di 8 anni sono in grado di assumersi la responsabilità nella cura delle lenti a contatto tanto quanto gli adolescenti. Con le istruzioni corrette, la maggior parte dei bambini può imparare a mettere e togliere autonomamente le lenti a contatto.

Naturalmente, non è realistico aspettarsi che un bambino sviluppi immediatamente il senso di responsabilità necessario per prendersi cura delle proprie lenti a contatto. Se tuttavia i genitori saranno i primi a motivare questa scelta, sostenendola con entusiasmo e supervisionando l'applicazione delle lenti, non c'è motivo per cui un bambino non possa abituarsi a svolgere questo piccolo compito quotidiano.

I benefici delle lenti a contatto

Gli occhiali possono sembrare l'opzione più semplice per correggere la vista del bambino. Sicuramente richiedono meno cure, il che è un enorme vantaggio. Non è però da sottovalutare l'impatto che le lenti a contatto possono avere sull'autostima e sulle relazioni sociali del bambino. Vedere bene influisce sul rendimento scolastico: un'adeguata correzione della vista è quindi fondamentale per lo sviluppo del bambino.

Primo piano di bimba con occhiali

Con l'avvento di Harry Potter, Youtube e l'ascesa della cultura geek, lo stigma dei "quattrocchi" non è più forte come in passato. Per molti bambini e adolescenti, indossare gli occhiali è al contrario una decisione consapevole che li aiuta ad avvicinarsi ai loro modelli adulti di riferimento.

Tuttavia, la ricerca dimostra che molti bambini godono di un aumento di autostima dopo il passaggio alle lenti a contatto. Uno studio del 2009, pubblicato sulla rivista Optometry and Science Vision e condotto da Jeffrey Walline, ha preso in esame 484 bambini miopi di età compresa tra i tre e dodici lungo l'arco di tre anni. Il campione è stato diviso in due gruppi: ad uno sono stati assegnati gli occhiali, all'altro le lenti a contatto. I risultati hanno mostrato che i bambini con le lenti a contatto riportavano livelli significativamente più alti di soddisfazione riguardo il loro aspetto fisico, le loro prestazioni sportive, i compiti scolastici e lo status sociale.

Per bambini e adolescenti, lo sport e le attività fisiche sono una parte essenziale nella costruzione delle relazioni sociali e dell'autostima. La montatura degli occhiali può limitare la visione e ostacolare il pieno coinvolgimento nelle diverse attività. Uno studio del 2007 (in inglese) ha mostrato come i bambini e gli adolescenti risultassero significativamente più soddisfatti delle proprie prestazioni atletiche dopo il passaggio alle lenti a contatto.

La scelta corretta per il tuo bambino

Brendan O'Brien, direttore operativo e optometrista di Vision Direct, afferma: "Noi di Vision Direct vogliamo aiutarti a scegliere la soluzione correttiva migliore per la vista di tuo figlio. Il motivo per cui i bambini si scoraggiano quando viene detto loro che hanno "bisogno di occhiali" (spesso una spiegazione semplicistica di un difetto di rifrazione) non è tanto dovuto al fatto che non accettino il loro difetto visivo, ma al fatto che sentano di non avere altra scelta. Mostrando loro che le lenti a contatto possono essere una valida alternativa agli occhiali, ci auguriamo che possano sentirsi maggiormente responsabilizzati nella scelta di vedere correttamente".

Se stai valutando la possibilità di far indossare lenti a contatto ai tuoi figli, scopri di più su Vision Direct o richiedi maggiori informazioni presso il tuo ottico locale.

please wait