Cattive Abitudini che Danneggiano la Vista

mercoledì 21 marzo 2018 da Vision Direct

Donna nel letto con mani sugli occhi

Di solito non ce ne accorgiamo, oppure facciamo finta di non accorgerne, ma ogni giorno compiamo azioni che mettono a rischio le funzionalità dei nostri occhi.

Se ogni giorno soffri di vista offuscata, oppure di occhi irritati, è probabile che spesso sottoponi i tuoi occhi a stress o a secchezza. Oggigiorno, a causa della tecnologia e uno stile di vita frenetico sono tanti i pericoli che espongono i nostri occhi a potenziali danni alla visione. A volte sembra impossibile evitarli, ma con un piccolo sforzo ti renderai conto che non è così.

È giunto quindi il momento di riconoscere le abitudini che rovinano la vista, così che potrai iniziare ad abbandonarle da subito. Ti ringrazierai!

1. Passare tanto tempo davanti a uno schermo

Ragazzo stanco al computer

Probabilmente già ti aspettavi questo punto, forse il più ostico. Ogni giorno passiamo ore con lo sguardo su uno schermo, che si tratti del computer, dello smartphone o del televisore.

Fissare uno schermo per tante ore può comportare occhi affaticati e arrossati. Se non puoi farne a meno, ad esempio perché hai un lavoro da ufficio in cui stare al computer è necessario, prendi l’abitudine di seguire la regola del 20-20-20: ogni 20 minuti, fissa un oggetto che dista 20 piedi (circa 6 metri) da te per 20 secondi. Questa ginnastica oculare aiuterà l’occhio a non perdere elasticità, stimolando messe a fuoco diverse da quella necessaria a raggiungere lo schermo del computer.

Schermi troppo abbaglianti o troppo scuri causano affaticamento oculare: regola la luminosità del tuo dispositivo digitale in modo che sia simile a quella dell’ambiente circostante.

Infine, se strizzi gli occhi per leggere probabilmente significa che quello che stai leggendo è scritto troppo piccolo. Qualsiasi dispositivo tu stia utilizzando, non dimenticare di zoomare per rendere il testo più leggibile.

2. Dormire con le lenti a contatto

Se porti le lenti a contatto, ti potrebbe capitare – o forse ti è già capitato – di addormentarti con le lenti a contatto indosso. A meno che non indossi lenti permanenti, dovresti evitare che questo accada o rischierai di prendere un’infezione agli occhi.

Prima di goderti un po’ di relax serale sul divano o a letto, ricordati di rimuovere le lenti e conservarle nell’apposita soluzione detergente durante la notte. Ti sveglierai il giorno dopo con occhi freschi e riposati!

3. Una dieta sbagliata

Ebbene sì, per una vista sana è necessario anche cibo sano. Un’alimentazione corretta mantiene infatti l’occhio forte e lubrificato.

È ora di dire basta a pasti raffazzonati e di abbracciare una dieta ricca di vitamina A, vitamina C e Omega-3. Metti nel tuo carrello della spesa dosi abbondanti di noci, oli vegetali, agrumi, verdure a foglia verde, carote e pesce. Non c’è stagione in cui una dieta disintossicante non sia possibile, compreso l’inverno.

4. Strofinarsi gli occhi

Ragazzo stanco con mani sul volto

Chi non ha mai ceduto alla tentazione di strofinarsi gli occhi quando prudono? Eppure, bisognerebbe evitare di farlo, visto che si rischia di rompere qualche vaso sanguigno sotto le palpebre e di causare occhi arrossati.

In caso di stanchezza o secchezza oculare, applica un buon collirio alleviante, che reidrata ed elimina il rossore. Oppure, fai degli impacchi freddi, che sono delicati e regalano agli occhi un senso di freschezza.

Per evitare occhi che prudono cerca di dormire un buon numero di ore ogni notte. Inoltre, evita di addormentarti davanti allo schermo della TV o del cellulare o la qualità del tuo sonno ne risentirà.

5. Dimenticarsi di fare un test della vista

Gli occhi sono un organo sensibile: cambiamenti nella qualità della nostra vista possono avvenire anche nel giro di pochi mesi. Per questo è importante sottoporsi regolarmente a un test della vista.

In particolare se porti le lenti a contatto o gli occhiali, una visita dall’oculista è necessaria per capire se i dati della tua prescrizione vanno aggiornati o meno. Cerca di mantenere una frequenza minima di una visita ogni due anni per monitorare i possibili cambiamenti nella qualità della tua vista.

Link Correlati

please wait