World Glaucoma Week: 5 miti da sfatare sul glaucoma

giovedì 5 marzo 2020 da Vision Direct

Woman with glaucoma

Ogni anno, le organizzazioni internazionali nel settore della salute degli occhi, le università, gli ottici e i pazienti uniscono le forze per sensibilizzare le persone sugli effetti del glaucoma. Conosciuto come il "ladro silenzioso della vista", il glaucoma è la seconda causa principale di cecità a livello globale, colpendo oltre 1 milione di persone solo in Italia. La World Glaucoma Association stima che fino al 50% delle persone che vivono con il glaucoma non sono consapevoli di averlo e non si sottopongono a diagnosi e trattamenti che potrebbero salvare la loro vista.

Sottoporsi a una visita oculistica almeno una volta ogni due anni è il modo migliore per diagnosticare il glaucoma e, in generale, preservare la propria vista. Cosa bisogna evitare, invece? Credere alle bugie che circolano riguardo a questa malattia. E, fidati di noi, ne girano tante online!

In occasione della Settimana Mondiale del Glaucoma 2020 (World Glaucoma Week 2020), abbiamo quindi deciso di raccogliere 5 miti diffusi sul glaucoma – e le verità che si celano dietro di loro – per offrirti consigli utili per proteggere i tuoi occhi.

1° mito

Se non ci sono sintomi evidenti, non c’è glaucoma.

Verità

Il glaucoma non viene chiamato il "ladro silenzioso della vista" senza un motivo. La maggior parte delle persone non si rende conto di avere sintomi prima che sia troppo tardi. Poiché questo parte dalla tua visione periferica e si espande verso l'interno, è meno probabile notarlo. Ecco perché bisogna sottoporsi a una visita oculistica: per permettere a un medico di esaminare il retro degli occhi e verificare la presenza della malattia.

2° mito

Nessuno nella mia famiglia ha il glaucoma, quindi non capiterà a me.

Verità

Una storia familiare segnata dal glaucoma è senz’altro un fattore di rischio, ma molti pazienti con questa malattia sono i primi nella loro famiglia a esserne colpiti. Comunque sia, molte persone non sono consapevoli che qualcuno nella loro famiglia ha il glaucoma, è quindi importante che chi sa di averlo informi e incoraggi i propri familiari a farsi controllare gli occhi.

3° mito

Il glaucoma colpisce solo le persone sopra i 60 anni.

Verità

Sebbene il glaucoma sia più comune negli over 60, in realtà può colpire persone di tutte le età, inclusi i neonati. Gli ottici consigliano di sottoporre i bambini a un controllo della vista entro test 72 mesi dalla nascita, e poi una volta l’anno. Gli adulti dovrebbero fare un esame della vista ogni due anni, ma quelli a rischio più elevato anche più spesso.

4° mito

Il glaucoma colpisce solo un occhio.

Verità

Il glaucoma di solito si verifica in entrambi gli occhi, ma inizia in un occhio solo. Questo rende la perdita della vista particolarmente difficile da notare. Se però viene diagnosticato nella fase iniziale e si comincia subito un trattamento, è possibile arrestarlo e preservare la vista.

5° mito

La vista persa a causa del glaucoma può essere recuperata.

Verità

Quando inizi a notare la perdita della vista, è già troppo tardi per fare qualcosa al riguardo. Gli effetti del glaucoma sono irreversibili, ecco perché è così importante la prevenzione tramite visite oculistiche regolari. Sebbene non sia possibile tornare indietro nel tempo, i sintomi del glaucoma possono essere controllati e trattati con colliri, farmaci per via orale, terapia laser o chirurgia, prevenendo ulteriori danni dopo la diagnosi.

please wait